Estate 2021 il turismo si prepara a ripartire

Guida per essere competitivo: le prenotazioni “Last second”
27 Aprile, 2021
Formazione, strumento essenziale per far ripartire il segmento più importante dell’hospitality italiana
4 Maggio, 2021

Estate 2021 il turismo si prepara a ripartire

Scritto da:

Giuseppe Rizzo

Sales agent Italy

 

Riaperture, vaccinazioni, Green Pass Europeo. Queste le parole chiave che stanno caratterizzando l’imminente entrata nella stagione turistica per questa estate 2021 e che fanno ben sperare in una ripresa del settore turistico, tra i piú colpiti dalla pandemia.

È notizia di questi giorni che il Ministro del Turismo Massimo Garavaglia oltre ad avere prolungato l’agevolazione del bonus vacanze fino a Giugno del 2022, ha reso noto che si potrà spendere anche nelle agenzie di viaggio.

Buone anche le notizie provenienti dalla Commissione Europea: la presidente Von der Leyen in un’intervista la New York Time apre le porte dell’Europa “senza alcuna condizione per tutti gli Americani che hanno ricevuto vaccini apporovati dall’Ema” (Agenzia Europea per i medicinali ndr).

Inoltre, la piú attesa delle misure da parte dell’Unione Europea è sicuramente il Green Pass europeo, di cui si ha già una data per la sua attivazione ufficiale: l’1 Giugno, e chepermetterà a chi ha ricevuto il vaccino, ha passato il virus nei 6 mesi precedenti o ha un tampone negativo entro 48 ore dalla partenza di muoversi liberamente all’interno dell’Unione Europea.

 

Ma come procedono le prenotazioni in questo momento?

In questo quadro, che fa sicuramente ben sperare in una stagione migliore rispetto al 2020 (che aveva visto comunque una discreta ripresa dell’attività turistica nei mesi estivi), ci sono zone che già vedono i loro calendari di occupazione con pochi spazi disponibili per il periodo estivo.

Emilia Romagna, Toscana e Liguria, stanno già registrando un ottimo tasso di preferenza come mete turistiche.

Il settore extralberghiero, con affitti di case vacanze e appartamenti, gioca con il vantaggio di offrire strutture che permettono un’idea di vacanza meno “agglomerata” e sta vedendo un’attività di prenotazioni maggiore rispetto all’industria alberghiera.

È facile prevedere che anche quest’estate le prenotazioni arriverano per la stragrande maggioranza da turisti italiani, ma guardiamo il lato positivo: la pandemia ci sta facendo riscoprire le bellezze del nostre Paese, ricordandoci la fortuna di vivere in una delle nazioni piú ambite come meta del turismo mondiale.